DEIAN BOLDOR

Difensore
Nato a Timisoara (Romania) il 3 febbraio 1995
Esordio in A: -

2010-11 BANATUL TIMISOARA A
2011-12 ROMA A 0 0 0 0
2012-13 ROMA A 0 0 0 0
91 2013-14 ROMA A 0 0 0 0

(legenda)

Doveva essere l’erede di Alessio Romagnoli Dejan Boldor, pur essendo suo coetaneo (12 gennaio 1995 il talento di Nettuno, 3 febbraio il romeno), tra un infortunio e l’altro quest’anno non è arrivato a 10 partite. Ma oggi, nel playoff in gara secca con l’Inter (ore 14, Centro Sportivo Facchetti, diretta SportItalia 1), in difesa De Rossi dovrà puntare su di lui, in coppia con Fabrizio Carboni, l’ultimo rimasto del gruppo dei ‘93, quello dei due scudetti di fila. Per Carboni, fuoriquota e capitano, in caso di sconfitta sarebbe l’ultima con la Primavera, Boldor l’anno prossimo sarà ancora in tempo per recuperare il tempo perduto: quando arrivò, a luglio del 2011 dal Banatul Timisoara, era il leader dell’Under 16 romena, i primi 6 mesi li passò in tribuna per problemi di transfer. A cui si sovrappose un lungo infortunio alla caviglia, e i quasi inevitabili problemi muscolari di chi rientra dopo un lungo stop: nel 2011 fece sotto età la preparazione con la Primavera, l’esordio in campionato è arrivato un anno e mezzo dopo, lo scorso 2 febbraio a Vicenza. In mezzo, la scorsa stagione, 8 partite con gli Allievi di Tovalieri, buone per dimostrare di avere un bel piede sinistro, oltre al notevole fisico che si notava anche quando girava in ciabatte per Trigoria, spesso insieme al connazionale Lobont, per veder giocare i compagni. In sua assenza De Rossi ha promosso il ‘96 Calabresi: oggi non ci sarà, è a Coverciano con l’Under 17, Rosato è infortunato, e toccherà di nuovo a lui. Uno dei primi acquisti della nuova proprietà, forse il meno fortunato.

(Francesco Oddi - La Gazzetta dello Sport - 26 aprile ’13)